Torino. Fca apre Heritage, l’hub con la storia del Gruppo

A Mirafiori recuperata l’area che fu di Officina 81: in esposizione oltre 250 vetture che rappresentano il passato e l’evoluzione. Elkann: «Restiamo visionari»

Fca apre Heritage, l'hub con la storia del Gruppo

«Quello spirito coraggioso e visionario, che è vivo in ogni parte della nostra azienda, continua a guidarci e ci permette di affrontare con entusiasmo questo nuovo periodo di cambiamento». Lancia un messaggio di positività, John Elkann, presidente del Gruppo Fca, alla presentazione del nuovo spazio espositivo Heritage Hub, che racconta l’evoluzione del patrimonio auto del gruppo, nel quartiere di Mirafiori a Torino. Parole in continuità con quanto espresso nella lettera inviata agli azionisti Exor, la holding del gruppo Agnelli, di cui è presidente e amministratore delegato, dove aveva sottolineato la volontà della famiglia «ad avere un ruolo attivo e ambizioso» nella nuova era. «Questa industria è stata resa grande da persone che guardavano al futuro con travolgente ottimismo. Persone che, se anche non avevano tutte le risposte, erano fiduciosi nella loro capacità di trasformare la società», ha aggiunto Elkann rimandando implicitamente alla lettera in cui aveva anche ricordato, con commozione, la figura di Sergio Marchionne: «Un uomo incredibile e uno straordinario leader».

Il presidente del Gruppo evidenzia il lavoro di recupero dell’area, appartenuta all’ex Officina 81, ricordando che nei primi 20 anni dell’industria dell’auto furono fondate in Italia oltre 100 fabbriche di automobili di cui 47 a Torino. Tutto prende le mosse da un progetto, avviato nel 2005, per riqualificare il comprensorio di Mirafiori, che tra i primi interventi ha visto nascere il Motor Village: «Fu un atto importante, anche dal punto di vista simbolico, perché venne abbattuto un muro che per anni aveva diviso la fabbrica dalla città, all’altezza della porta zero». Negli anni in questa area sono stati concentrati il nuovo centro stile, le sedi dell’Abarth e di Cnh Industrial, e le attività amministrative, informatiche e di accounting, trasferite nell’Officina 82.

L’Heritage Hub si propone come archivio tridimensionale dedicato alla storia e all’evoluzione dei marchi di Fca Heritage: Alfa Romeo, Lancia, Abarth e Fiat. L’area centrale presenta otto aree tematiche: Archistars, Concepts and fuoriserie, Eco and sustainable, Epic journeys, Small and safe, Style mark and The Rally era. Per ognuna sono esposti otto esemplari di epoche e marchi diversi: il più antico risale al 1908 e il più moderno al 2008. Si tratta in tutto di circa 15mila metri quadri che ospitano oltre 250 vetture. Lo spazio aprirà prossimamente al pubblico e sarà presentato in anteprima in occasione di “Archivissima” il prossimo 12 aprile.

Fonte: Avvenire.it

Ferrari F8 Tributo, la nuova supercar vanta prestazioni da urlo

La nuova creatura della Casa non smette di stupirci con il suo motore V8 più potente di sempre

Ferrari F8 Tributo, ecco la nuova supercar del Cavallino

Solo poche settimane fa Ferrari ha svelato le prime immagini della tanto attesa novità della Casa, la F8 Tributo, nuova berlinetta.

L’auto a motore centrale-posterioreè pronta per stupire la clientela, un modello che è stato realizzato per celebrare l’iconico motore V8 del Cavallino Rampante, il più potente di sempre, e la massima espressione di questo tipo di auto della Casa. È stato il Salone di Ginevra, arrivato quest’anno alla sua 89esima edizione, l’evento scelto per la presentazione della F8 Tributo, vettura che eredita molto dalla 488 GT, altra Rossa su cui effettivamente è basata. Il motore che è stato scelto per la nuova Ferrari è quello della 488 Pista, in grado di erogare una potenza eccezionale di ben 720 Cv.

La nuova Ferrari F8 Tributo ha tutte le carte in regola per poter regalare emozioni uniche al conducente, un’auto in grado di determinare performances spettacolari. Il V8 che è stato scelto per questa supercar è il più potente che sia mai stato montato su una Rossa del Cavallino normale (considerando che la Pista è una serie speciale, quindi non conta), un V8 3.9 biturbo con 770 Nm di coppia massima.

Il team di costruzione della vettura ha lavorato parecchio sulle componenti del motore e anche su altri elementi esterni quali il lunotto, i cerchi in carbonio, che possono essere scelti come optional, la batteria agli ioni di litio, lo spoiler posteriore, tutto per ottenere ottimi risultati per quanto riguarda la riduzione del peso, riuscendo nell’intento. Effettivamente la massa della nuova vettura di Maranello è diminuita di ben 40 kg, arrivando a pesare 1.435 kg, offrendo comunque alti livelli di comfort a bordo.

Non molto tempo fa abbiamo pubblicato per voi il video ufficiale che mostra questo bolide mentre sfoggia le sue prestazioni eccezionali. Un’auto in grado di raggiungere una velocità massima di 340 km/h, di scattare da 0 a 100 km/h in soli 2.9 secondi e da 0 a 200 in 7.8 secondi, a dir poco mozzafiato, da restare “attaccati” al sedile. Non affascinano solo le prestazioni della supercar, ma anche il design molto accattivante, con S-Duct all’anteriore che abbina configurazione tecnologica, meccanica e aerdinamica d’avanguardia. Ecco perché la Ferrari F8 Tributo è unica ed emozionante.

Fonte: Motori.Virgilio.it