Autore Topic: La Storia della PAGANI  (Letto 1901 volte)

Dariofast

  • Abarth Nel Cuore
  • Amministratore
  • Utente anziano
  • *****
  • Post: 399
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • Italian Racing Club
La Storia della PAGANI
« il: Aprile 22, 2015, 01:01:25 pm »




La sua storia

L'avventura umana di Horacio Pagani ha del sorprendente. La passione per le auto, la velocità e il design lo accompagnano fin da piccolo: a 12 anni, stupisce tutti con i modellini di supercar che costruisce intagliando pezzetti di legno o modellando la creta.
Il suo debutto nel mondo delle auto da corsa avviene a 20 anni, con la realizzazione di una vettura di F.3 che gareggia in Argentina con i colori del team ufficiale Renault. Segue una serie infinita di lavori di design industriale nei quali Pagani brucia le tappe dell'apprendimento combinando una miscela di creatività ad una maniacale ricerca della perfezione.
Conosce Juan Manuel Fangio, suo idolo di bambino, che diventa il mentore ideale per avvicinarsi a Modena, terra di leggende come Ferrari e Lamborghini. E proprio alla Lamborghini il prodigio si compie.
È l'Ing. Alfieri ad offrire al giovane Horacio lo spazio per esprimere fantasia e abilità manuali.
Inizia come operaio di terzo livello al reparto carrozzeria, ma in breve diventa responsabile del nascente reparto compositi. Partecipa ai progetti salienti di quegli anni: la Jeep LMA, il restyling della Jalpa, il design della Countach Evoluzione (la prima auto al mondo con il telaio completamente in carbonio), la Golf Caddy e la Countach 4 Valvole.
Nel 1988 nasce la Pagani Composite Research che segue vari progetti tra cui il restyling della Countach Anniversary, di cui fornisce anche i particolari finali in compositi.
Al culmine di questa collaborazione Pagani lavora col team che progetta la Diablo, la Lamborghini P140, la L30 la Diablo Anniversary.
La difficile congiuntura creata nel 1992 dagli eventi legati alla Guerra del Golfo non scoraggia Pagani, che continua a credere nella possibilità di realizzare una supercar tutta sua.

Modena Design
Modena Design nasce, nel 1991, per rispondere alla crescente richiesta di servizi di design, progettazione, engineering, costruzione di modelli, stampi e prototipi.
Horacio Pagani trasmette al suo gruppo la passione e un ostinato rigore sul lavoro, coniugando un difficile compromesso tra arte e tecnologia.
La paziente manualità da artisti rinascimentali combinata a tecnologie da F.1 permette a Modena Design di essere all'avanguardia nella progettazione e realizzazione di prodotti in materiali compositi, il partner ideale per le aziende che operano nei settori commerciali, sportivi e agonistici in cui la richiesta di soluzioni innovative è in costante crescita.
L'esperienza accumulata ed una incessante ricerca hanno permesso a Modena Design di collaborare con grandi aziende tra cui Dallara, Ferrari, Aprilia, Berman, Lange e Renault.

Il progetto Zonda (La Fangio F.1)
Il sogno più grande di Horacio Pagani, ovvero la costruzione di una supercar tutta sua, comincia a tradursi in realtà nel 1988, quando i disegni preliminari del "Progetto C8" vengono per la prima volta mostrati a Fangio. Il nome stesso della macchina, Fangio F.1, parla del grande campione e sottolinea la stima che Pagani nutre verso di lui.
Nel 1992 Pagani inizia la realizzazione del prototipo. Già nel 1993 il primo modellino viene collaudato in galleria del vento presso la Dallara. I risultati positivi aprono una lunga stagione di progetto e di definizione di particolari relativi alla costruzione e al design.
Fangio, dal canto suo presenta Pagani alla Mercedes, cui era storicamente legato dai tempi gloriosi delle vittorie in Formula 1. La Casa tedesca non tarda a rendersi conto della validità del progetto e, nel 1994, concede in via ufficiale la fornitura del suo potente motore V12.
Dopo altri quattro anni di incessante lavoro Pagani arriva all'omologazione del progetto C8 in versione coupé e spider.
Nel 1999 al Salone di Ginevra avviene la presentazione della prima Zonda C12.
« Ultima modifica: Agosto 22, 2018, 10:39:46 pm da Dariofast »
Quando il Cuore Pulsa ad ogni Battito del Motore, L'Adrenalina spinge l'acceleratore e il cervello tiene gli occhi sull'asfalto.



There are any comments for this topic. Do you want to be the first?