Autore Topic: Alfa Romeo Stelvio  (Letto 1056 volte)

Dariofast

  • Abarth Nel Cuore
  • Amministratore
  • Utente anziano
  • *****
  • Post: 398
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
    • Italian Racing Club
Alfa Romeo Stelvio
« il: Marzo 27, 2017, 10:33:56 am »
Alfa Romeo Stelvio


L'Alfa Romeo Stelvio (nome in codice Tipo 949)[1] è un crossover SUV di segmento D presentato dalla casa automobilistica italiana Alfa Romeo alla fine del 2016 per entrare poi a listino all'inizio dell'anno successivo.



Profilo e contesto

Nome e debutto

La Stelvio, che prende il nome dall'omonimo passo alpino, è il primo crossover SUV offerto dalla casa di Arese dopo che in passato fu presentato, senza mai entrare in produzione di serie, il SUV Kamal, concept car realizzato nel 2003 in un solo esemplare. La Stelvio è stata presentata al salone dell'automobile di Los Angeles il 16 novembre 2016.

Telaio, meccanica e sospensioni

La Stelvio nasce sulla stessa piattaforma Giorgio già utilizzata dalla Giulia, ma lievemente modificata e rialzata di 22 cm rispetto alla berlina, a causa di un incremento della corsa delle sospensioni e della gommatura maggiorata; con la Giulia condivide anche i motori e gran parte della meccanica, tra cui l'albero di trasmissione in fibra di carbonio[4]. Inoltre, rispetto alla Giulia, ha carreggiate incrementate, rispettivamente, di 2,9 cm al retrotreno e 5,4 cm all'avantreno oltre che un bagagliaio portato a una volumetria di 525 litri.

La distribuzione dei pesi è ripartita 50/50 tra i due assi e il coefficiente aerodinamico è di 0,30. Per contenere il peso del veicolo, la casa del Biscione ha fatto ampio uso di alluminio per alcuni componenti della carrozzeria quali parafanghi, cofano, portellone e per alcune parti meccaniche come sospensioni, sistema frenante e motore.

Le sospensioni adottano uno schema chiamato dalla casa meneghina AlfaLink, che è composto all'avantreno da uno schema a doppio quadrilatero con asse di sterzo semi-virtuale, mentre al retrotreno è presente uno schema multilink composto da quattro bracci e mezzo; questo schema sospensivo fa sì che gli pneumatici aderiscano, in condizioni di velocità elevate, perpendicolarmente al piano dell'asfalto, incrementando in questo modo l'aderenza in curva e riducendo il sottosterzo

Trasmissione e motori

È disponibile sia in versione a trazione posteriore che a trazione integrale con sistema Q4 (dotato di un sistema torque vectoring) che ripartisce la coppia, in condizioni normali, al 100% sull'asse posteriore e solo in caso di perdita d'aderenza rinvia il 50% della potenza all'avantreno.

La motorizzazione della vettura, che è simile a quella della Giulia, è costituita da un propulsore benzina turbo a quattro cilindri in linea da 2.0 litri che eroga 200 o 280 CV e da un 2.2 litri turbo Diesel Multijet II da 180 o 210 CV con un nuovo sistema di iniezione a 2.000 bar chiamato Injection Rate Shaping (IRS)[6]. È offerta anche una versione più performante orientata alle alte prestazioni che è denominata Quadrifoglio e che è alimentata dal 2,9 litri biturbo V6 da 510 CV di origine Ferrari[7] della Giulia Quadrifoglio.

Il cambio montato di serie su tutte le versioni è una trasmissione automatica a 8 rapporti prodotta dalla ZF

La Prova


Alfa Romeo Stelvio, la prova: diesel e benzina a confronto

AutoMoto.it - Abbiamo provato l'Alfa Romeo Stelvio, il primo SUV firmato Alfa Romeo. Uno Sport Utility per certi aspetti unico, con una meccanica ultra raffinata e un piacere di guida insolito per un'auto "a ruote alte". Qualche assemblaggio ancora da migliorare, mentre la tecnologia si aggiornerà già a partire dai prossimi mesi.

Era il lontano 2003 quando Alfa Romeo iniziava a sognare il suo primo SUV. Al Salone di Ginevra di quell'anno la Casa di Arese presentava l'eccentrica ma anche elegantissima Kamal Concept, che immaginava uno Sport Utility con lo stile di una 147. Purtroppo di quell'ambizioso progetto non se ne fece nulla, tanto che per vedere il primo SUV firmato dal Biscione abbiamo dovuto aspettare quasi 15 anni.

Oggi però l'attesa è finalmente finita perché nelle concessionarie è arrivata l'Alfa Romeo Stelvio. Un SUV di lusso di medie dimensioni, pensato per dare battaglia prima di tutto a Porsche Macan (la lunghezza è la stessa, 4,68 m!) e Jaguar F-Pace, ma anche ad Audi Q5, BMW X3 e Mercedes GLC.

Lo Stelvio è il secondo modello del grande rilancio Alfa Romeo. Per questo viene costruito rigorosamente in Italia, a Cassino, e nasce sulla raffinatissima piattaforma Giorgio, la stessa della Giulia, con cui questo SUV condivide praticamente tutto, dalla meccanica ai motori, passando per gli equipaggiamenti e la tecnologia.

Lo Stelvio offre di serie la trazione integrale Q4 (chi vorrà sui motori di ingresso potrà comunque avere una versione a trazione posteriore) e il cambio automatico ZF a otto rapporti con paddle in alluminio fissati al piantone. Due garanzie in termini di piacere di guida, visto che l'integrale Q4 in condizioni normali consente allo Stelvio di comportarsi come una trazione posteriore, trasferendo parte della motricità all'anteriore – fino al 50% - soltanto in caso di necessità. Il cambio poi sa essere dolce in modalità Natural o Advanced Efficency, ma anche fulmineo e a dir poco coinvolgente quando si porta il DNA in Dynamic.

La piattaforma Giorgio ha permesso poi di contenere il peso entro la soglia dei 1.600 kg circa. Un valore più basso nell'ordine dei 100-200 kg rispetto alle dirette competitor. E questo si trasforma in prestazioni coinvolgenti, soprattutto sul 2.0 turbo benzina da 280 CV, che garantisce uno scatto da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e una velocità massima di 230 km/h.


A proposito di motori. Sono gli stessi della Giulia quindi sotto al cofano di Stelvio troviamo la nuova famiglia di quattro cilindri turbo in alluminio diesel o benzina costruiti interamente in Italia. Gli amanti del gasolio possono scegliere il 2.2 nelle varianti da 180 o 210 CV, mentre i puristi hanno a disposizione un 2.0 turbo benzina da 200 o 280 CV. Arriverà naturalmente anche la versione supersportiva che ha meritato di indossare il Quadrifoglio. Spinto dal V6 biturbo 2.9 da 510 CV, per la prima volta abbinato alla trazione integrale Q4, lo Stelvio Quadrifoglio entrerà nelle concessionarie a fine anno.

La Stelvio “standard” invece si può già vedere e ordinare in concessionaria, con prezzi che partono da 50.800 euro. Per sapere come si comporta su strada invece vi invitiamo a vedere i nostri video, realizzati in occasione della presentazione internazionale a St. Moritz.





Quando il Cuore Pulsa ad ogni Battito del Motore, L'Adrenalina spinge l'acceleratore e il cervello tiene gli occhi sull'asfalto.



There are any comments for this topic. Do you want to be the first?